| Mail: info@romanimamundi.it



TROVATO UN MAMMUT CON SANGUE E TESSUTO MUSCOLARE BEN CONSERVATO

Gli scienziati russi hanno scoperto una femmina adulta di mammut con sangue e tessuto muscolare ben conservato intrappolato nel ghiaccio in Siberia. Gli scienziati sono riusciti a trovare il sangue di mammut durante lo scavo sulle isole Lyakhovsky, il gruppo più meridionale delle nuove isole siberiane nei mari artici del nord-est della Russia. Il sangue è stato trovato nella cavità di ghiaccio sotto il ventre dell'animale e quando i ricercatori hanno rotto le cavità per un sondaggio, il sangue è venuto fuori  sorprendendo tutti poichè la temperatura era 10° sotto zero.
"Si può presumere che il sangue dei mammut avevano  alcune proprietà di crioprotezione", ha detto Semyon Grigoriev, direttore del Museo del Mammut dell'Istituto di Ecologia Applicata del Nord presso la North Eastern Federal  University come citato da agenzia di stampa Interfax.
Il sangue è stato posto in una provetta e un’analisi batteriologica del campione è attesa  a breve.
Il tessuto muscolare dell'animale era anche ben conservato e aveva un colore rosso naturale della carne fresca, ha aggiunto lo scienziato. Tale conservazione può essere spiegata dal fatto che la parte inferiore del corpo del mammut era intrappolato in ghiaccio puro, mentre la parte superiore è stata scoperta  in mezzo alla tundra, il tronco è stato trovato invece separato dalla carcassa.
I ricercatori hanno stabilito che la femmina di mammut quando è morta aveva  tra i 50 ei 60 anni .


"Siamo i primi al mondo a trovare la carcassa di un adulto femmina di mammut  che con le ossa e un po 'di ghiaccio, pesa circa una tonnellata. Partiamo dal presupposto che durante la vita pesava circa tre tonnellate", ha riconosciuto.
Il capo del museo ha anche suggerito che il mammut sia vissuto tra i 10.000 e i 15.000 anni fa e  che forse  cadde nel ghiacciaio  in fuga dai predatori.

Tre carcasse di mammut adulti, tra cui l'ultima scoperta degli scienziati Yakut, sono stati trovati nella storia della paleontologia. Tuttavia, nonostante un buon stato di conservazione, gli scienziati non hanno ancora scoperto cellule viventi utili per la clonazione della specie. Grigoriev ha osservato che la riparazione del DNA è un processo molto complesso che potrebbe  richiedere anni.

Un team di ricercatori provenienti dalla Russia e dalla Corea del Sud nel  settembre 2012, hanno  detto di aver scoperto frammenti di tessuto di mammut sepolti sotto metri di permafrost in Siberia orientale che potrebbero contenere cellule viventi. Tuttavia il numero di cellule è scarso per conseguire il processo di clonazione e la questione è stata trattata con scetticismo da molti scienziati di cellule staminali.

 

Fonte: "RT.com - question more"


Iscriviti alla nostra NewsLetter!

Scrivi il tuo nome e la tua Email

Digital Newsletter

Privacy